Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo di esposizione.

Il diaframma è un dispositivo che si trova all’interno dell’obiettivo. In pratica si tratta di un’apertura a diametro variabile. Fondamentalmente il diaframma serve per controllare la quantità di luce che, penetrando attraverso l’obiettivo, raggiunge il sensore.

diaframmi fotografia, coppia tempo diaframma

La scala dei diaframmi. A f/2 corrisponde un diaframma molto aperto: passerà molta luce. A f/22 corrisponde un diaframma molto chiuso: passerà poca luce.

Il tempo di esposizione viene controllato da un dispositivo interno alla fotocamera che si chiama otturatore. Attraverso l’otturatore noi (oppure l’automatismo della macchina fotografica) possiamo decidere per quanto tempo la luce raggiungerà il sensore.

scala dei tempi fotografia, reflex, tempi di scatto

Sulle vecchie reflex a pellicola di qualche anno fa era presente la scala dei tempi.

Come si vede nella foto a fianco , nelle vecchie reflex era presente una rotella che serviva per selezionare il tempo di scatto desiderato. Oggi vi è comunque una rotella di comando, ma il tempo selezionato viene visualizzato su un display.

Attenzione: 1000 corrisponde ad un tempo di 1/1000 di secondo, 500 ad un tempo di 1/500 di secondo, e così via.

250= 1/250 sec.

125= 1/125 sec.

60= 1/60 sec.

1 corrisponde ad 1 secondo.

Sulle moderne reflex si possono in genere selezionare tempi compresi tra 1/8000 sec. e 30 secondi, più la posa B (bulb).

La posa B permette di tenere aperto l’otturatore per tutto il tempo desiderato, consente quindi esposizioni lunghe, superiori ai 30 secondi impostabili normalmente attraverso opzioni della fotocamera.

La quantità di luce (regolata dall’apertura del diaframma) e il tempo di esposizione (regolato dall’otturatore) determinano la quantità totale di luce che raggiunge il sensore mentre scattiamo la fotografia. Essi sono i parametri fondamentali per ottenere una buona esposizione.

Per capirlo meglio immaginiamo di voler riempire un bicchiere d’acqua.

Più apriamo il rubinetto, meno tempo ci vorrà a riempire il bicchiere.

L’unica cosa a cui bisogna stare attenti è scegliere la giusta coppia apertura rubinetto/tempo di riempimento. Se sbagliamo per eccesso l’acqua si verserà, se sbagliamo per difetto il bicchiere resterà semivuoto.

Allo stesso modo se sbagliamo la coppia apertura del diaframma/tempo di esposizione per eccesso avremo una foto sovraesposta come quella riportata sotto:

Fotografia sovraesposta, coppia tempo-diaframma

Fotografia sovraesposta.

 

Se sbagliamo la coppia apertura del diaframma / tempo di esposizione per difetto avremo una foto sottoesposta come quella sotto riportata:

coppia tempo diaframma, foto sottoesposta

Fotografia sottoesposta.

 

La foto corretta dovrebbe invece essere così:

esposizione corretta

Fotografia esposta correttamente.

 

Attraverso la coppia tempo diaframma però non si controlla solo la corretta esposizione, ma anche una serie di altri parametri che influenzano in maniera decisiva l’estetica dell’immagine. Ma su questo ci soffermeremo nei prossimi tutorial.

Articoli correlati:

La coppia tempo/diaframma: il diaframma

La coppia tempo/diaframma: il tempo di esposizione

L’uso del diaframma e il controllo della profondità di campo

La scelta del tempo di esposizione

 

impara a fotografare in 10 lezioni