I filtri fotografici: introduzione

I filtri fotografici si utilizzano per modificare la qualità della luce che entra attraverso l’obiettivo e va ad impressionare il sensore o la pellicola. Utilizzando uno o più filtri in fase di ripresa, quindi, si può correggere, modificare o trasformare l’immagine che si ottiene.

 

Utili e, in alcuni casi, indispensabili con la fotografia a pellicola, molti filtri sono stati efficacemente sostituiti dai software fotografici, con i quali è facile oggi ricostruire il medesimo effetto. Solo pochi sono i filtri ancora indispensabili nella fotografia digitale.

Un consiglio generale, comunque, è quello di usare i filtri solo quando servono davvero per ottenere un determinato risultato fotografico. L’utilizzo di un filtro, infatti, influenza negativamente la qualità dell’immagine. Un altro suggerimento è quello di acquistare, per quanto possibile, filtri di buona qualità.

Tipologie

In commercio si trovano essenzialmente due tipi di filtri fotografici:

  • i filtri cosiddetti “a vite”, costituiti da un vetro montato su un supporto  circolare che si avvita direttamente sull’obiettivo;
Filtro a vite

I filtri circolari si avvitano sull’obiettivo.

 

  • quelli cosiddetti “a sistema”, che necessitano di un portafiltri (detto holder) da montare sull’obiettivo, nel quale si infilano i filtri a lastrina, che hanno forma quadrata o circolare.
Sistema Cokin

Filtri da montare tramite portafiltri. In questo caso il sistema Cokin, uno dei più utilizzati dai fotografi.

 

Filtri circolari

I filtri circolari vanno acquistati dello stesso diametro dell’obiettivo sul quale dovranno essere montati. Come si fa a sapere qual è il diametro dell’obiettivo? Si tratta di un dato riportato sull’obiettivo stesso, di solito sulla parte frontale, preceduto dal simbolo Ø.

Un obiettivo sul quale è scritto Ø52 ha un diametro di 52mm. Quindi se vogliamo corredarlo di un filtro dobbiamo acquistarne uno del medesimo diametro.

Cosa possiamo fare se abbiamo obiettivi di diverso diametro? Dobbiamo per forza comprare un filtro per ogni obiettivo? No, entro certi limiti possiamo usare degli anelli riduttori. Si tratta di anelli che, dotati di filettature di diametro diverso su ciascuna estremità, consentono di utilizzare un filtro su un obiettivo di diametro inferiore. Pertanto si può comprare un filtro del diametro giusto per l’obiettivo con la lente frontale più grande presente nel nostro corredo e utilizzarlo, con anelli adattatori, su obiettivi con lente frontale più piccola.

anello riduttore filtri

Anello riduttore. Consente di usare i filtri su obiettivi di diametro inferiore. In questo caso si può montare un filtro di diametro 67mm su un obiettivo di diametro 62mm.

 

Filtro polarizzatore su anello riduttore

Un filtro polarizzatore di diametro 58mm montato su un obiettivo con lente frontali di diametro 52mm tramite anello adattatore.

 

Sistema a portafiltri

Anche il sistema a portafiltri si monta con un anello adattatore sull’obiettivo. Sul portafiltri poi si inseriscono i diversi filtri, a lastrina. Il sistema è molto pratico e permette di comprare un unico filtro, da utilizzare poi con tutti gli obiettivi. E’ necessario acquistare solo un anello adattatore per ciascun obiettivo. Si tratta di una soluzione molto professionale.

Filtri quadrati

Inoltre, vantaggio non secondario, il sistema portafiltri permette di utilizzare contemporaneamente più filtri.

Filtri Cokin

L’illustrazione tratta da un catalogo della Cokin, mostra la “componibilità” e la versatilità del sistema della nota casa produttrice.

 

La stessa cosa è più difficile, nella pratica, con i filtri circolari, perché montandone due o tre l’uno sull’altro si ingenerano delle fastidiosissime vignettature, specialmente se sono utilizzati su obiettivi grandangolari.

due filtri circolari

In questa foto sono stati montati due filtri circolari in serie su un obiettivo grandangolare di focale 12mm su formato APS-c. Come si osserva il contorno del filtro entra nell’inquadratura. Per tentare di ovviare si possono usare i filtri con montatura più sottile denominati slim oppure passare ad un sistema a portafiltri.

 

Per ovviare almeno in parte a tali vignettature si possono comprare filtri circolari denominati “slim”, i quali hanno uno spessore più contenuto.

 

Tutorial correlati:

Il filtro UV e il filtro Skylight

Conviene usare filtri fotografici per proteggere l’obiettivo?

Il filtro polarizzatore

Il filtro ND

Il filtro ND graduato

I filtri per il bianco e nero

 

GD Star Rating
loading...
I filtri fotografici: introduzione, 4.4 out of 5 based on 15 ratings