filtro rosso per il bianco e neroI filtri colorati sono indispensabili nella fotografia in bianco e nero a pellicola, per differenziare i toni di grigio. Infatti succede spesso, in una scena, che diversi colori presentino la stessa luminosità, il che vuol dire che saranno rappresentati nella fotografia in bianconero con la stessa tonalità di grigio. In altre parole, sulla foto in bianco e nero non riusciremo a vedere dove finisce un colore e dove ne inizia un altro. Ci troveremo davanti ad una tonalità uniforme di grigio. Ad esempio, l’azzurro del cielo potrebbe non distinguersi troppo dal bianco delle nuvole. Per evitare questo inconveniente si usano i filtri colorati.


Per capire come funzionano i filtri dobbiamo far riferimento alla ruota dei colori, nella quale i tre colori primari (blu-rosso-giallo) sono rappresentati contrapposti ai loro complementari (arancione-verde-viola):

colori primari e colori complementariSe stiamo fotografando in bianco e nero, un filtro colorato posto davanti all’obiettivo lascerà passare la luce della frequenza del proprio colore, mentre tenderà ad assorbire quella del colore complementare. A seconda della densità del filtro, tale effetto sarà più o meno marcato. Facendo riferimento alla ruota dei colori riportata sopra, un filtro arancione tenderà a scurire il blu del cielo, facendo risaltare le nuvole bianche. Attenzione però: solitamente il cielo ha una forte componente di luce verde, infatti è azzurro, non blu, quindi un filtro rosso lo scurirà ancor di più di un filtro arancione. D’altra parte al tramonto, quando il cielo assume una forte colorazione rosso-arancio, se vogliamo far risaltare le nuvole dovremo usare un filtro azzurro o un filtro verde.

Per sintetizzare facciamo una panoramica sui diversi filtri, sul loro effetto sulla foto e sul loro utilizzo.

filtro verde per il bianco e neroFiltro verde:

schiarisce il verde, scurisce il rosso e l’arancio.

Utilizzi: Nei panorami arricchisce la gamma tonale della vegetazione. Nei ritratti, scurisce il rosso delle labbra e, con effetti diversi a seconda dell’incarnato, può scurirè un po’ la pelle, accentuando però, in alcuni casi, i difetti quali efelidi e rughe: può essere usato quindi se si vuole drammatizzare un viso segnato dal tempo.

filtro blu per il bianconeroFiltro blu:

schiarisce il blu, scurisce rosso, arancio e giallo.

Utilizzi: schiarisce il blu del cielo, aumenta l’effetto della nebbia. Assolutamente da evitare sui ritratti, perché scurisce in maniera eccessiva la pelle, ha limitati utilizzi sono per correggere la dominante rossastra delle luci al tungsteno.

filtro giallo per il bianco e neroFiltro giallo:

schiarisce il giallo, scurisce viola e blu.

Utilizzi: nel paesaggio scurisce leggermente il cielo facendo risaltare le nuvole, riduce un po’ la foschia. Nel ritratto rende leggermente più chiara la pelle e schiarisce i capelli biondi.

filtro arancio per il bianconeroFiltro arancione:

schiarisce arancione, giallo e rosso, scurisce il blu.

Utilizzi: il filtro arancio è molto utilizzato nella fotografia di paesaggio, in quanto scurisce il cielo in maniera più marcata rispetto al filtro giallo facendo risaltare ancora di più le nuvole. Nel ritratto schiarisce la pelle e i capelli biondi e rossi. Nasconde i difetti della pelle quali rughe ed efelidi. Si rivela quindi adatto per i ritratti femminili.

filtro rosso bianconeroFiltro rosso:

schiarisce il rosso, scurisce blu e verde.

Utilizzi: il filtro rosso nei paesaggi rende il cielo quasi nero. Con tempo nebbioso elimina la foschia. Nel ritratto schiarisce molto la pelle e il colore delle labbra, indicato se si desiderano effetti particolari, come un high key molto spinto, o in abbinamento ad un filtro flou.

Facciamo qualche esempio per visualizzare l’effetto dei diversi filtri su una foto in bianco e nero:

Paesaggio in bianco e nero

foto a colori

Foto a colori

bianco e nero senza filtro

Foto in bianco e nero senza filtro

Filtro verde per il bianco e nero

Foto in bianco e nero con filtro verde: l’azzurro del cielo diventa leggermente più chiaro, la vegetazione appare più chiara e la sua gamma tonale è notevolmente arricchita.

Foto con filtro blu per il bianco e nero

Foto in bianco e nero con filtro blu: il cielo appare molto più chiaro. Anche il colore del mare si è schiarito. Il verde della vegetazione si è notevolmente scurito, così come le rocce in primo piano, a causa di una leggera colorazione giallina.

Foto in bianco e nero con il filtro giallo

Foto in bianco e nero con filtro giallo: in questo caso gli effetti non sono molto pronunciati.

filtro arancio

Foto in bianco e nero con filtro arancione: il cielo appare un po’ più scuro e vi è un maggiore contrasto con le nuvole rispetto alla foto in BN senza filtro. In effetti il filtro arancio è usato quasi sistematicamente dai fotografi di paesaggio in bianco e nero a motivo della gamma tonale ampia ed equilibrata che restituisce nelle foto.

foto in bianco e nero con il filtro rosso

Foto in bianco e nero con filtro rosso: il contrasto tra il cielo e le nuvole è ancora più accentuato. Il mare, e la vegetazione verde sono molto più scuri. Il filtro rosso è apprezzato da chi vuole dare un carattere drammatico alle sue foto di paesaggio.

Ritratto in bianco e nero

foto a colori

Foto a colori

foto in bianconero senza filtri

Foto in bianco e nero senza filtri

filtro verde foto bianco e nero

Foto in bianco e nero con filtro verde: il viso è leggermente più scuro, dando un effetto “abbronzatura”. Sono però più evidenti le macchie della pelle. Anche le labbra, a causa del colore rosso, sono più scure.

filtro blu

Foto in bianco e nero con filtro blu: la pelle e le labbra sono molto più scure, i difetti del viso molto evidenti. Quasi sempre, per il ritratto, il filtro blu è da evitare.

filtro giallo per la fotografia in bianco e nero

Foto in bianco e nero con filtro giallo: appare nel complesso molto equilibrata. La pelle viene leggermente schiarita e le imperfezioni si notano molto di meno. Le labbra mantengono un tono più scuro rispetto al viso. Il filtro giallo è molto usato dai fotografi in bianco e nero per ottenere ritratti gradevoli e dalla gamma tonale ampia ed equilibrata.

filtro arancio

Foto in bianco e nero con filtro arancione: gli effetti del filtro giallo sono un po’ esaltati. La pelle e le labbra sono più chiare. Le imperfezioni dela pelle quasi impercettibili (si osservi il neo sul collo e lo si raffornti con la foto non filtrata e con quella filtrata in verde).

filtro rosso per far sparire i difetti sulla pelle

Foto in bianco e nero con filtro rosso: la pelle e le labbra assumono una colorazione molto chiara.

Bisogna doverosamente dichiarare che gli esempi sopra riportati non sono fotografie scattate davvero in bianco e nero con i diversi filtri ma delle ricostruzioni digitali ottenute mediante un software.

Questo ci porta ad affrontare una questione di metodo. I filtri colorati sono senz’altro indispensabili per chi fotografa in bianco e nero a pellicola. Tra l’altro, per inciso, i risultati e la qualità che si ottengono con il bianco e nero a pellicola, sviluppato e stampato con competenza e passione, sono ancora molto superiori a quelli ottenibili con il bianco e nero digitale.

Ma che dire dell’uso dei filtri colorati nella fotografia digitale in BN? Possono essere utili? Secondo il mio parere no. Certo, conosco alcuni fotoamatori che scattano con il digitale direttamente in bianco e nero, nel formato jpeg, i quali che utilizzano i filtri colorati. Apprezzo la visione della fotografia che c’è dietro questo modo di operare. Ho parlato anche con un fotoamatore che scatta in RAW (quindi, semplificando, a colori) con i filtri colorati davanti, e poi trasforma le sue foto in bianco e nero.

Tuttavia resto persuaso che i migliori risultati, con il digitale, li si ottenga fotografando in RAW, convertendo poi la foto a colori in bianco e nero utilizzando un software di elaborazione e fotoritocco. Tali software permetto di regolare la gamma tonale della fotografia in maniera ottimale, imitando anche, se lo desideriamo, l’effetto dell’uso dei diversi filtri.

Come operare per una conversione ottimale della foto a colori in una foto bianco e nero, simulando anche l’effetto dei filtri colorati, è oggetto del tutorial: Simulare i filtri colorati nella conversione di una foto digitale in bianco e nero.

Argomenti correlati:

I filtri fotografici: introduzione

Simulare i filtri colorati nella conversione di una foto digitale in bianco e nero

Quale formato: RAW o JPEG?