Gli obiettivi da ritratto

Sicuramente uno dei generi più praticati dai fotoamatori è il ritratto, e quindi in questo tutorial del nostro corso di fotografia prenderemo in esame quali sono gli obiettivi più indicati per cimentarsi nella ritrattistica. Dato che il ritratto è uno dei generi più amati e praticati, non sorprende quindi che esistano, nei cataloghi delle case produttrici, molte possibilità per chi desidera avere un obiettivo da usare per riprendere le persone. Se state pensando di comprare un obiettivo da ritratto, quali opzioni avete?

Le caratteristiche generali che dovrebbe avere un obiettivo da ritratto

Diciamolo subito, gli obiettivi più adatti per il ritratto sono i medio tele, che consentono di annullare le deformazioni che insorgono quando si usano focali più corte, e che consentono di ottenere un buono sfocato senza incorrere nell’esagerato schiacciamento dei piani proprio dei teleobiettivi più lunghi. Stiamo quindi parlando di quegli obiettivi che hanno una focale compresa tra i 50mmm e i 150mm per le fotocamere con sensore APS-c, e con focale compresa tra gli 80mm e i 200mm con fotocamere full frame.

Il teleobiettivo di media lunghezza consente di stare abbastanza lontani dal nostro soggetto, rendendo meno opprimente la nostra presenza di fotografi, e dandogli modo quindi di assumere pose ed espressioni con più naturalezza. Questo è importante soprattutto con modelli non professionisti, che potrebbero essere un po’ impacciati davanti al fotografo.

Ovviamente esisteranno occasioni, come nel ritratto ambientato di stile giornalistico o street-photography, dove la sensazione di trovarsi a contatto con il soggetto e immersi nella scena, tipica delle ottiche grandangolari usate a distanza ravvicinata, può farci ottenere fotografie straordinarie (vedi il tutorial: Come fotografare… ritratti fotografici ambientati).

Fotografia ritratto,Donato Romagnuolo

Nel ritratto ambientato, come in questo caso, si può utilizzare il grandangolo (Foto di Donato Romagnuolo, Canon 5d Mark II – Canon EF 24-105mm f/4 L IS USM).

 

Ma se desiderate fare soprattutto belle foto alle vostre amiche, o più in generale a modelle o modelli, seguite questo consiglio: state lontani, a nessuna di loro piacerà ritrovarsi con un naso più lungo a causa della deformazione prospettica! Usate un medio tele.

Un’altra caratteristica molto utile nella fotografia di ritratto è quella di poter sfocare adeguatamente lo sfondo, il che significa poter contare su diaframmi aperti, quindi sarebbe buono indirizzarsi verso obiettivi che siano almeno f/2,8. Una focale tele, abbinata ad un diaframma aperto, consentirà di sfocare lo sfondo e far risaltare il soggetto.

Ricapitolando, le due caratteristiche principali di un obiettivo da ritratto sono:

  • Focale medio tele (almeno 50mm su APS-c, almeno 70mm su Full Frame);
  • Diaframma aperto (almeno f/2,8).

 

La soluzione più economica: il 50mm

Se avete una fotocamera APS-c, l’obiettivo da ritratto più economico è il 50mm. Focale normale per eccellenza sul formato Full Frame 25x36mm, in quanto restituisce un angolo di campo simile a quello della visione umana, il cinquantino diventa un buon medio tele da ritratto se usato su una fotocamera APs-c. Inoltre ha il vantaggio di avere grandi aperture di diaframma (f/1,8, ma anche f/1,4, spendendo di più) a prezzi tutto sommato popolari. Tutti i maggiori produttori hanno in catalogo un 50mm ad un prezzo che va dai 100 ai 200 euro in negozio.

punto di ripresa dall'alto fotografia ritratto

Un ritratto eseguito con un obiettivo 50mm (Pentax K5 + Pentax F 50mm f/1,7).

 

Insomma potrebbe trattarsi davvero di un’ottima soluzione per ampliare il proprio corredo fotografico senza spendere molto. Se lo usate per il ritratto ricordate solo di non avvicinarvi troppo. State un po’ distanti e preferite le inquadrature almeno a mezzo busto, altrimenti alcune delle deformazioni prospettiche di cui parlavamo sopra, seppur contenute, potrebbero fare la loro comparsa. Se volete approfondire l’argomento ne abbiamo parlato qui: Il 50mm come obiettivo da ritratto.

Il 50mm

  • Vantaggi: costo, grande apertura, dimensioni e peso contenutissimi;
  • Svantaggi: a volte può risultare un po’ “corto”.

 

obiettivi da ritratto,fotografare i ritratti,corso di fotografia

Il Pentax DA 50mm f/1,8 sulle fotocamere dotate di sensore APS-C il 50mm diventa un medio tele utilizzabile con soddisfazione per il ritratto.

 

 

 

La soluzione ingombrante: il 70-200mm f/2,8

La maggior parte dei fotografi amano quest’ottica: il 70-200mm f/2,8. Si tratta dello zoom tele per eccellenza, che copre tutte le focali più usate per il ritratto, e che consente davvero di affrontare questo genere fotografico (e naturalmente non solo questo) con tranquillità. I produttori di obiettivi, infatti, fin da sempre riversano in questo zoom il top della loro capacità tecnologica, e si tratta sempre di obiettivi dalla straordinaria resa ottica.

obiettivi da ritratto

Il Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM.

Gli svantaggi di questo genere di ottica sono essenzialmente due: il costo che non è affatto contenuto, neanche se ci si indirizza verso i produttori universali, e le dimensioni e il peso, anch’esse non proprio adatte ad un uso prolungato, specie se non si è particolarmente robusti.

Il 70-200mm f/2,8

 

  • Vantaggi: versatilità: tutte le focali utili per il ritratto in un solo obiettivo, grande apertura;
  • Svantaggi: costo, dimensioni e peso.
obiettivi da ritratto, corso di fotografia on line

Il 70-200 f/2,8, è un obiettivo che racchiude tutte le focali utili per il ritratto. Oltre a ciò, la grande apertura, consente di ottenere ottimi sfocati (Pentax K5 + Tamron 70-200mm f/2,8 alla focale di 70mm).

 

Se siete alla ricerca di un compromesso esistono ovviamente delle soluzioni alternative. Ad esempio, se utilizzate un sistema APS-c potete optare per uno zoom 50-135mm o 50-150mm f/2,8. Si tratta in genere di obiettivi studiati per il formato minore, che non potranno essere usati nel caso di un eventuale passaggio al Full Frame. Però racchiudono tutte le focali che si usano nel ritratto (difficile, davvero difficile che si utilizzino i 200mm su APS-c per il ritratto), mantenendo l’apertura fissa a f/2,8, con dimensioni molto più contenute rispetto ad un 70-200mm. Questo consente di utilizzarlo stancandosi molto meno. Oltre a ciò, fattore che non per tutti è secondario, anche il costo è molto più contenuto rispetto a quello di un 70-200mm.

Un’altra opzione, se volete rimanere su obiettivi che coprono il Full Frame, potrebbe essere quella del 70-200mm f/4. Rispetto all’analogo obiettivo f/2,8 l’f/4 è sì più chiuso, ma anche più piccolo e leggero. Ad f/4 comunque si riesce a sfocare molto bene lo sfondo, e anche in questo caso il prezzo è più contenuto rispetto all’analogo ad apertura maggiore.

Il 50-135mm (o 150mm) f/2,8

  • Vantaggi: dimensioni, peso e costi contenuti, grande apertura;
  • Svantaggi: solo per APS-c.

 

Il 70-200 f/4

  • Vantaggi: dimensioni, peso e costi contenuti rispetto al 70-200mm f/&2,8;
  • Svantaggi: Apertura massima inferiore di uno stop.

 

obiettivi da ritratto, pentax

Il Pentax DA* 60-250 f/4.

Obiettivi specifici a focale fissa

Se il ritratto è uno dei generi fotografici che pratichiamo di più la soluzione migliore consiste probabilmente nell’acquisto di un obiettivo specifico a focale fissa, progettato espressamente per il ritratto. I vantaggi di questi obiettivi, sono molteplici. Innanzitutto, si tratta di obiettivi il cui schema ottico è ottimizzato per una ed una sola focale, quindi senza i compromessi di progettazione di uno zoom. Questo fa sì che si possa puntare alla massima qualità ottica, ma non solo, anche ad una resa studiata appositamente per la ritrattistica. Questi obiettivi, inoltre, rispetto allo zoom f/2,8 sono le dimensioni molto più contenute, e quindi più comodi e maneggevoli da usare.

Tutti i produttori ne hanno in catalogo. Ad esempio…

Canon EF 85mm f/1,8 USM

Canon EF 85mm f/1.2L II USM

Canon EF 100mm f/2 USM;

Nikon AF-S Nikkor 85mm f/1.8G

Nikon AF-S Nikkor 85mm f/1.4G

Nikon AF DC-Nikkor 105mm f/2D

Nikon AF DC-Nikkor 135mm f/2D

Pentax DA HD 70mm F2.4 Limited

Pentax FA 77 mm f/1.8 Limited

Sony SAM 85 mm f/2,8

Molti di questi obiettivi, specie quelli più corti e con aperture meno spinte hanno un prezzo che è ancora alla portata di un fotoamatore medio. Se il ritratto è la vostra passione, forse dovreste farci un pensierino.

 

obiettivi da ritratto,fotografare,ritratto fotografico

Il Pentax DA 70mm f/2,4 limited. La lunghezza focale, la grande apertura, e le dimensioni compattissime ne fanno un ideale obiettivo da ritratto, leggero e maneggevole.

 

Una fotografia scattata con una focale di 70mm su fotocamera APS-C. Una focale ideale per il ritratto su questo formato.

Una fotografia scattata con una focale di 70mm su fotocamera APS-C. Una focale ideale per il ritratto su questo formato.

Gli obiettivi macro

Alcuni usano con buoni risultati i teleobiettivi macro (focale 90-105mm) anche per la ritrattistica. Certo, gli obiettivi macro sono notoriamente straordinariamente nitidi, e questo non perdona nei ritratti, dove ogni imperfezione della pelle viene mostrata senza pietà, anzi addirittura esaltata, il che mal si adatta ai ritratti, specialmente di soggetti femminili, ma siccome le summenzionate focali ben si adattano alla ritrattistica, ed è sempre possibile intervenire in post produzione per ammorbidire un po’ la foto, se avete già un obiettivo macro, o se vi interessa sia il genere macro che il ritratto, con un unico obiettivo potreste prendere i classici due piccioni con una fava. :) Chi scrive, ad esempio, preferisce poter contare sempre sulla massima nitidezza, e all’occorrenza ammorbidire un po’ la foto tramite software… quindi spesso utilizza il 100mm f/2,8 per il ritratto, rimanendone sempre molto soddisfatto (vedi anche il tutorial: Gli obiettivi macro).

 

Pentax,obiettivi macro,ritratto

Il Pentax DFA 100mm f/2,8 WR Macro. Gli obiettivi macro sono estremamente risolventi, e questa è una caratteristica che può creare qualche difficoltà nel ritrarre le donne. Tuttavia una foto nitida si può sempre, all’occorrenza, rendere più morbida in post produzione.

 

La forma del diaframma

Un obiettivo specificamente progettato per i ritratti presenta degli accorgimenti spesso non presenti su obiettivi nati per altri scopi. Ad esempio, visto che la gradevolezza dello sfocato, e della zona di passaggio tra area nitida e area sfocata è influenzata dalla forma del diaframma (più il diaframma è circolare, più lo sfocato è piacevole), il diaframma degli obiettivi da ritratto è composto in genere da più lamelle (vedi l’articolo dedicato al Bokeh).

 

Se non è il momento di fare nuovi acquisti…

Se per il momento pensate non sia il caso di spendere altri soldi in fotografia, potete cercare di ottenere il massimo dall’attrezzatura che è già in vostro possesso. Ad esempio, se avete il classico zoom di base 18-55mm f/3,5-5,6 non scoraggiatevi. Utilizzate questi accorgimenti e vedrete che otterrete lo stesso buoni risultati. Innanzitutto utilizzate sempre la focale massima, cioè 55mm e il diaframma più aperto disponibile, cioè f/5,6. In secondo luogo, per ottenere lo sfondo sfocate, fate mettere il soggetto sufficientemente lontano da uno sfondo che sia il più possibile uniforme. In questo modo lo sfondo risulterà sfocato e riuscirete ad avere foto paragonabili con quelle ottenibili con teleobiettivi con diaframmi più aperti.

Se avete anche uno zoom 50-200mm f/4-5,6, o simili, provate ad usare focali più lunghe di quelle ortodosse, diciamo da 150mm il su… E’ vero che dovrete stare più distanti dal soggetto, ma riuscirete a sfocare lo sfondo anche con il diaframma f/5,6, ottenendo dei buonissimi ritratti.

 

Ebook il ritratto fotografico

Potrebbero anche interessarti i seguenti articoli:

Come fotografare… il ritratto (consigli da 1 a 6)

 Come fotografare… il ritratto (consigli da 7 a 12)

By | 2017-01-28T14:48:58+00:00 3 ottobre 2014|Attrezzatura|4 Comments

4 Comments

  1. Andrea Testi ottobre 11, 2014 at 10:01 am - Reply

    Bel articolo come sempre!! Visto che ultimamente mi stavo chiedendo che obbiettivo comprare per i ritratti. possiedo una canon 100d, ero indeciso fra due focali fisse, il classico 50mm f/1,8 o il 40mm f/2,8. Visto la scarsa differenza di prezzo sarei orientato sul secondo ma mi chiedevo se come focale non fosse troppo corta e l’apertura non sufficiente per avere un effetto sfocato gradevole a TA. Qualcuno sa cosa suggerirmi? Grazie in anticipo!

    • phototutorial ottobre 17, 2014 at 4:12 pm - Reply

      Salve Andrea,

      per il ritratto è sicuramente più adatto il 50 f/1,8.

  2. jacopo ottobre 15, 2014 at 1:51 pm - Reply

    sta per uscire il 24mm canon ef-s, prenditi il 50mm 1.8 che su aps-c diventa 85 col fattore di crop.
    il 40mm diventa 65 ed è una focale della serie “ne carne ne pesce” con un apertura non troppo degna di nota.
    io ho il 50mm 1.8 e ha un ottima resa, prendero il 24mm per avere un 48mm su aps-c e non prenderò il 40mm per le ragioni sopra elencate, senza contare che paghi il sistema STM che a quanto pare ha una pessima resa in video.

  3. Dario Toledo ottobre 17, 2014 at 4:43 pm - Reply

    Bell’articolo :) vorrei aggiungere una nota che forse vale più per i ritrattisti con una certa esperienza: le regole, cosa buona e giusta, sono fatte per essere infrante. È vero che con il DA* 50-135 ho la mia “rete di sicurezza” in materia di ritratti, ma mi diverto infinitamente di più a fare ritratti con il resto del mio corredo, che consiste in DA* 16-50, FA 43 Limited e DA* 55 (che equivale ad un 85mm su full frame, quindi tanto fuori regola non è).
    Amo sfidare i pericoli della distorsione prospettica e secondo me offrono risultati meno “già visti”, ovviamente solo e soltanto sapendo cosa si sta facendo perché l’imbruttimento e dietro l’angolo!

Leave A Comment