Essendo un lettore di Phototutorial saprai quant’è importante proteggere la tua attrezzatura fotografica… ma come comportarsi quando ci si trova in condizioni ambientali difficili?

In questo articolo, oltre alle nozioni di base, ti parlerò degli aspetti da prendere in considerazione per mettere in sicurezza la tua fotocamera dagli agenti atmosferici esterni più rischiosi.

Cominciamo subito dai fondamenti sulla protezione della propria attrezzatura.
Proteggere l’attrezzatura fotografica: tutto quello che c’è da sapere
Come avrai sicuramente già letto, quando si parla di proteggere l’attrezzatura fotografica gli aspetti da considerare sono molti:
È importante evitare di cambiare obiettivo quando c’è vento o ci si trova in ambienti sabbiosi o salati, per evitare di far entrare impurità all’interno della fotocamera;
Devi prestare molta attenzione a come trasportare in sicurezza la tua fotocamera e il resto degli accessori (approfondirò questo aspetto più avanti);
In generale, è consigliato usare tutti gli strumenti che si hanno a disposizione (filtri, paraluce, custodie e pellicole protettive, tappi copri-obiettivi) per evitare urti o danni di altro tipo.

Proprio quest’ultimo punto è quello che ritengo essere più importante da approfondire poiché spesso trascurato dai fotografi non abituati a lavorare in condizioni ambientali delicate.

Proteggere l’attrezzatura fotografica (ad esempio con uno zaino o una borsa progettata per questo scopo) è il primo passo per affrontare in sicurezza le escursioni fotografiche più impegnative.

Proteggere l’attrezzatura fotografica (ad esempio con uno zaino o una borsa progettata per questo scopo) è il primo passo per affrontare in sicurezza le escursioni fotografiche più impegnative.

 

Per questo motivo lascia che ti riepiloghi gli aspetti più importanti.
Utilizza dei filtri per proteggere l’obiettivo
Quando ti trovi ad affrontare condizioni difficili, come polvere, pioggia, o rischio di urti, un filtro può essere molto per la protezione degli obiettivi che monti sulla tua macchina fotografica Reflex.

Esso, infatti, ti consente ti proteggere la lente frontale da pericoli di vario genere, sia quelli dovuti ai nostri errori (ad esempio quando maltrattiamo le nostre fotocamere) sia quelli causati dagli agenti atmosferici come sabbia, pioggia, grandine.

Un buon filtro UV (dal prezzo di poche decine di euro, o anche meno) può salvare il tuo obiettivo fotografico da rotture o guasti, sicuramente ben più costosi da riparare!

 

Il paraluce… non protegge solo dalla luce
Il paraluce, oltre ad essere un validissimo alleato contro i problemi dovuti alle luci spurie e al fenomeno del flare, può essere usato per costruire una protezione fai-da-te a prova di acqua, sabbia e sale.

Se ti interessa approfondire quest’aspetto, ti consiglio di guardare questo tutorial su come fotografare al mare, proteggendo la tua macchina fotografica per mezzo di una busta di plastica e del semplice nastro isolante.

Il paraluce infine, “aggiungendo” qualche centimetro di plastica di fronte all’obiettivo, aumenta la distanza tra il vetro della lente e qualsiasi altro ostacolo che si trovi vicino a noi, riducendo ulteriormente i rischi già indicati in precedenza.

Proteggere obiettivi fotografici

Il tappo dell’obiettivo, abbinato all’uso del paraluce, è uno dei sistemi più efficaci per proteggere le lenti in condizioni atmosferiche difficili (sabbia, polvere, vento, ecc).

 

Non dimenticare le pellicole, per proteggere il display dai graffi
Se i filtri UV ed i paraluce proteggono la parte frontale della macchina fotografica, il display posteriore dalla parte del fotografo può essere messo in sicurezza da pellicole apposite.

Infatti, e questo vale in particolare per le fotocamere più economiche, è piuttosto facile graffiare, o ancor peggio rompere, lo schermo del LiveView.

Per fortuna basta davvero poco per applicare queste pellicole protettive, e il risultato è garantito!
Per approfondire il discorso
Hai capito quant’è importante conoscere ed evitare i pericoli per la tua attrezzatura fotografica?

Se vuoi saperne di più sugli agenti pericolosi, sulle situazioni cui prestare attenzione e sui prodotti migliori per mettere in sicurezza il tuo kit da fotografo questo è quello che fa per te:

questa infatti è una guida completa in cui spiego come proteggere la macchina fotografica dagli agenti atmosferici, prendendo in considerazione tutti gli aspetti visti fin qui più altri che ogni bravo fotografo dovrebbe considerare!

 

Cosa s’intende per condizioni ambientali difficili o “estreme”
Finora abbiamo parlato di come proteggere l’attrezzatura fotografica grazie agli accessori spesso venduti con i corpi macchina o gli obiettivi, oltre che con un po’ di fai da te…

Ma cosa s’intende esattamente per condizioni difficili? E cosa cambia rispetto a quanto già indicato?

Vediamolo insieme, partendo da uno dei fattori più importanti quando si parla di mettere la fotocamera al riparo dalle condizioni esterne.

La sabbia, insieme alla pioggia e al ghiaccio, è uno degli elementi più rischiosi per l’incolumità della tua attrezzatura fotografica!

La sabbia, insieme alla pioggia e al ghiaccio, è uno degli elementi più rischiosi per l’incolumità della tua attrezzatura fotografica!

 

L’importanza della tropicalizzazione
Se sei il fortunato possessore di una macchina fotografica di fascia alta saprai già cosa significa “tropicalizzazione”, altrimenti su Phototutorial puoi trovare una guida in merito.

Con questo termine s’identifica una particolare tecnica costruttiva per mezzo della quale si riescono a proteggere gli apparati fotografici, come corpi macchina e obiettivi, grazie all’utilizzo di particolari guarnizioni e protezioni contro la polvere e l’umidità.

Se vuoi fotografare in condizioni particolari, ad esempio mentre piove, oppure in luoghi con temperature sotto lo 0 o sopra i 40 °C (pensa ai poli oppure a zone desertiche) una fotocamera tropicalizzata è ciò che devi avere assolutamente!

Fotografia d’avventura vs fotografia naturalistica
Come probabilmente avrai intuito le condizioni ambientali più difficili sono tipiche di alcuni generi fotografici, come ad esempio quella naturalistica o, in misura ancora maggiore, quella outdoor.

Avrai sicuramente già sentito parlare di fotografia naturalistica, poiché ha molto a che fare con quella faunistica (ossia di animali) o con il genere macro…

Sai però come si relazionano questi generi fotografici con le condizioni “estreme” citate finora?

Per rispondere a questa domanda bisogna innanzitutto capire le differenze tra fotografia naturalistica e d’avventura, come scritto in questa pagina in cui parlo di come diventare fotografo naturalista e quali sono i benefici nel farlo.

proteggere attrezzatura fotografica

La fotografia naturalistica, e ancor di più la fotografia d’avventura, sono due generi fotografici che mettono a dura prova il corretto funzionamento di tutta l’attrezzatura da fotografo.

 

Attenzione a non trascurare questi fattori!
Prima di salutarci vorrei porre l’attenzione sugli ultimi aspetti organizzativi legati alla protezione dell’attrezzatura fotografica in condizioni ambientali difficili.

Infatti, nonostante sia davvero importante imparare (e applicare) i concetti spiegati finora, lo è anche avere cura della propria attrezzatura al di fuori dell’escursione fotografica fine a se stessa.

In quest’ultima sezione ti parlerò di qualche altro suggerimento e consiglio che puoi adottare fin da subito!
Pulizia del sensore e degli obiettivi fotografici
A parte proteggere la propria attrezzatura “sul campo” applicando quanto visto fin qui, è veramente importante sapere come pulirla dalle impurità una volta tornati alla base.

Questo perché, indipendentemente dalla cura che si può avere al momento dello scatto, ci saranno sempre particelle di polvere o altro in grado di intaccare i componenti che compongono il nostro kit da fotografo.

In particolare, ti parlo del sensore e degli obiettivi, che sono le parti più delicate di tutto l’equipaggiamento fotografico.

Per quanto riguarda la pulizia del corpo macchina, anch’essa importante, puoi tranquillamente adottare le stesse indicazioni riguardanti gli obiettivi.

Gli obiettivi della tua fotocamera sono una delle parti più delicate alle condizioni ambientali esterne, in particolare ai granelli di polvere o di sabbia che possono lasciare graffi e abrasioni.

Gli obiettivi della tua fotocamera sono una delle parti più delicate alle condizioni ambientali esterne, in particolare ai granelli di polvere o di sabbia che possono lasciare graffi e abrasioni.

 

L’importanza del trasportare l’equipaggiamento in modo sicuro
Come anticipato all’inizio di questo stesso articolo, per proteggere l’attrezzatura fotografica è molto importante assicurarsi che anche la fase di trasporto avvenga nel modo più sicuro possibile.

Infatti, non sono pochi i fotografi che prestano la massima attenzione durante le fasi di ripresa ma che, nonostante questo, si ritrovano alla fine del viaggio con componenti danneggiati o inutilizzabili.

Non siamo in grado di badare alla nostra attrezzatura 24 ore su 24, e questo è un dato di fatto.

Possiamo però fare molto per rimediare a questo, ad esempio scegliendo uno zaino fotografico o una borsa in grado di proteggere corpi macchina, obiettivi, flash e gli altri componenti durante i singoli trasporti o i viaggi in genere.

Se affronti situazioni ambientali difficili, come ad esempio escursioni fotografiche in montagna, e cerchi uno zaino in grado di soddisfare le tue necessità, puoi prendere in considerazione il modello f-stop Loka.
Attrezzatura per fotografia naturalistica
Arrivati alla fine di quest’articolo avrai sicuramente più chiare le situazioni a cui prestare attenzione per proteggere la tua attrezzatura in condizioni difficili o addirittura estreme.

Ma sei sicuro di partire col piede giusto, ossia di avere effettivamente la migliore attrezzatura possibile per il genere fotografico che preferisci?

Se vuoi toglierti ogni dubbio ti consiglio di leggere questi 2 articoli sui corredi fotografici più adatti a diversi generi fotografici, sia se ti appassiona la foto di paesaggio, ritratto, macro e animali oppure se ti piacciono i generi reportage, viaggio, natura o architettura.

Infine, se vuoi approfondire maggiormente il genere naturalistico (quello in cui si ha a che fare con le condizioni ambientali più difficili), ti propongo una guida relativa alla sola attrezzatura per fotografia naturalistica.

La scelta della giusta attrezzatura fotografica influisce pesantemente sulle capacità della stessa di resistere alle condizioni esterne in cui ci si trova a fotografare.

La scelta della giusta attrezzatura fotografica influisce pesantemente sulle capacità della stessa di resistere alle condizioni esterne in cui ci si trova a fotografare.

 

Conclusioni

Siamo giunti al termine di questo articolo relativo alle migliori strategie per proteggere l’attrezzatura da fotografo in quelle condizioni ambientali ritenute più rischiose per la sua incolumità.

Son sicuro avrai capito quanto sia importante curare e salvaguardare la tua macchina fotografica ed il resto dei componenti da ciò che può rovinare il loro funzionamento e le prestazioni in generale.

Se questi argomenti ti interessano da vicino e vuoi approfondire maggiormente le tematiche relative alla fotografia d’avventura e outdoor ti consiglio di seguire il sito Diventare Fotografo d’Avventura, nel quale troverai tutto ciò di cui hai bisogno!

 

Matteo Ratini

L’autore
Mi chiamo Matteo Ratini e ho creato il sito Diventare Fotografo d’Avventura per farti conoscere gli aspetti più interessanti sulla fotografia naturalistica, wildlife e outdoor.
Nato come un progetto individuale, il sito web ora raccoglie contributi di molti fotografi naturalisti e non… se vuoi collaborare con noi contattaci subito!
Ti piace la natura? Leggi le pagine del sito (DiventareFotografodAvventura.it) e seguici sui nostri profili Social tramite l’hashtag #scattallavventura

Diventare Fotografo d’Avventura – corsi gratuiti online, attrezzatura ed abbigliamento, recensioni libri, interviste a fotografi naturalisti… e molto altro!

Sito web: www.diventarefotografodavventura.it
Mailing list: www.diventarefotografodavventura.it/go/mailinglist/
Profilo Instagram (1000+ followers): www.instagram.com/diventarefotografodavventura
Pagina Facebook: www.facebook.com/diventarefotografodavventura
Gruppo della Community (500+ iscritti): www.facebook.com/groups/DiventareFotografodAvventura