Il moltiplicatore di focale

moltiplicatore di focale 1,4x sigma

Moltiplicatore di focale 1,4x della Sigma

 

Uno degli accessori più utilizzati in fotografia è senz’altro il moltiplicatore di focale. Si tratta di un sistema ottico costituito da un gruppo di lenti divergenti che riescono ad ingrandire l’immagine proveniente dall’obiettivo. In tal modo si ottiene il risultato di moltiplicare la lunghezza focale dell’ottica.

moltiplicatore di focale

Il moltiplicatore di focale si inserisce tra la fotocamera e l’ottica

 

Se, per esempio, abbiamo un obiettivo di focale 100mm, con un moltiplicatore di focale 2x (chiamato quindi duplicatore), possiamo “trasformarlo” in un 200mm.

I vantaggi di utilizzare i moltiplicatori sono evidenti:

  • un moltiplicatore di focale ha di solito un costo di alcune centinaia di euro mentre i teleobiettivi di focale superiore a 200mm costano alcune migliaia di euro;
  • i moltiplicatori sono compatti e leggeri, con un vantaggio di trasportabilità enorme rispetto ad un teleobiettivo di focale equivalente;

Purtroppo, naturalmente, ci sono anche degli svantaggi.

Qualità ottica

L’immagine ottenuta con l’utilizzo di un moltiplicatore di focale sarà inevitabilmente di qualità inferiore a quella ottenuta con un obiettivo di focale equivalente. Questo avviene perché in effetti il duplicatore si limita a proiettare sul sensore una porzione dell’immagine proveniente dall’obiettivo e quindi, chiaramente, una parte dei dettagli catturati dall’obiettivo si perderanno, essendo spalmati su una superficie maggiore. Bisogna tuttavia dire che il moltiplicatore proietta la frazione dell’immagine catturata dalla parte centrale dell’obiettivo, quella meglio corretta, e questo fa sì che il decadimento sia di solito abbastanza contenuto.

Molto dipende dalla qualità del moltiplicatore utilizzato. Negli ultimi anni i produttori hanno progettato moltiplicatori di focale di grandissima qualità. Alcuni addirittura sono stati progettati come parte integrante degli schemi ottici degli obiettivi con i quali si suppone saranno utilizzati e sono quindi, a tutti gli effetti, moltiplicatori dedicati a determinati obiettivi.

 

duplicatore o moltiplicatore con ingrandimento 2x

Un duplicatore di fotocale, ossia un moltiplicatore con fattore di ingrandimento 2x. Esso assorbirà anche due stop di luce.

 

Assorbimento di luce

Uno dei fattori da considerare quando si decide di comprare un moltiplicatore di focale è che esso, inevitabilmente, assorbirà parte della luminosità dell’obiettivo. In particolare un moltiplicatore 2x, assorbirà due stop di luminosità, un moltiplicatore 3x, assorbirà tre diaframmi, mentre un moltiplicatore 1,5x comporterà la perdita di un solo stop.

Questo significa che un obiettivo di apertura f/2,8, se moltiplicato 1,5x diventerà un f/4, se moltiplicato 2x diventera un f/5,6, se moltiplicato 3x diventerà un f/8.

E’ importante tener conto di questa perdita di luminosità perché essa influenzerà notevolmente l’utilizzo che possiamo fare del sistema ottico moltiplicato. Per esempio, se si somma l’ingrandimento ottenuto con la perdita di luminosità, potremmo scoprire che diventa praticamente impossibile utilizzare il nostro obiettivo moltiplicato a mano libera, perché i tempi di scatto diventano troppo lunghi e le immagini risulteranno inevitabilmente mosse.

Per quanto riguarda i moltiplicatori che consentono di mantenere l’automatismo dell’autofocus, poi, potremmo riscontrare che a causa dell’assorbimento di luce il sensore AF della fotocamera non riesce più ad operare.

 

Come scegliere il moltiplicatore

Per i motivi sopra esposti, è meglio limitarsi a un ingrandimento che non vada oltre l’1,5x, o al massimo il 2x. La gestione di un 3x diventa davvero difficoltosa, senza considerare che la qualità dell’immagine risulterà quasi inevitabilmente troppo scadente.

Nella scelta del moltiplicatore è importantissimo assicurarci della piena compatibilità con l’obiettivo sul quale verrà montato. Tale compatibilità deve essere sia meccanica, sia elettrica.

Per quanto riguarda la compatibilità meccanica, dobbiamo ovviamente accertarci di comprare un moltiplicatore che abbia la baionetta di attacco del brand fotografico che utilizziamo. In pratica, se abbiamo attrezzatura Canon, dobbiamo acquistare un moltiplicatore Canon o quello di un produttore universale che abbia attacco Canon.

Dobbiamo poi prestare attenzione ad un altro particolare importante. Alcuni moltiplicatori hanno delle lenti molto sporgenti, mentre alcuni obiettivi hanno una lente posteriore posizionata molto vicino alla baionetta. Questo fa sì che alcuni moltiplicatori non possano essere montati su alcuni obiettivi, se non a rischi di graffiare o rovinare la lente posteriore. Dobbiamo stare molto attenti a verificare che la lente posteriore dell’obiettivo non entri in contatto con la lente anteriore del moltiplicatore. Prima di montare il moltiplicatore accertiamocene, verificando anche che la posizione della lente posteriore non cambi al variare della messa a fuoco. Naturalmente se utilizziamo accessori originali e obiettivi relativamente recenti, la compatibilità o meno è esplicitamente dichiarata dal produttore.

La parte posteriore di un obiettivo

La parte posteriore di un obiettivo: come si vede in questo caso la lente posteriore è molto vicina all’attacco. Con un obiettivo configurato in questo modo bisogna assolutamente prestare la massima attenzione prima di montare un moltiplicatore di focale, il quale potrebbe danneggiarlo.

 

Per quanto riguarda la compatibilità elettrica, dobbiamo tener conto del fatto che alcuni moltiplicatori di fascia bassa, oppure datati, che si possono reperire sul mercato dell’usato, non hanno i contatti elettrici necessari a far funzionare esposimetro o autofocus. Spesso, con le recenti fotocamere digitali, questi moltiplicatori non funzioneranno proprio, nel senso che la fotocamera, non riconoscendo l’obiettivo, si rifiuterà di impstare le funzioni e di scattare. Di fatto quindi essi con molte fotocamere saranno inutilizzabili, anche se bisogna vedere caso per caso.

moltiplicatore di focale, contatti elettrici

Un moltiplicatore di focale. Si vedono i contatti elettrici che garantiscono il dialogo con la fotocamera

 

Insomma, se decidiamo di acquistare un moltiplicatore on line, e quindi non abbiamo la possibilità di provarlo sulla nostra attrezzatura in un negozio fisico, è buona cosa fare prima delle ricerche sui vari forum per essere sicuri della piena compatibilità del moltiplicatore con la nostra attrezzatura.

 

 Articoli correlati:

Gli obiettivi: lunghezza focale e fattore di crop

Il concetto di “stop” in fotografia

By | 2017-08-16T07:45:41+00:00 23 maggio 2012|Attrezzatura|0 Comments

Leave A Comment