La composizione fotografica: il primo piano

Nella composizione fotografica, specialmente quando si fotografano i paesaggi, è particolarmente importante inserire nell’inquadratura un elemento in primo piano.

E’ capitato a tutti di fotografare un bellissimo panorama, magari con un obiettivo grandangolare, e poi rimanere delusi dal fatto che la scena, in fotografia, appare molto meno spettacolare rispetto alla realtà. Non siamo riusciti a riprodurre, nella nostra fotografia, la bellezza del paesaggio. Uno dei motivi di ciò è che la fotografia riprende in due dimensioni ciò che noi osservavamo in tre dimensioni. Diventa fondamentale quindi, per il fotografo, ricorrere ad espedienti che permettono di restituire il senso della profondità alla scena.

Uno di questi espedienti lo abbiamo già esaminato nel tutorial dedicato alle linee nella composizione: consiste nel far convergere eventuali rette presenti nella scena verso un punto di fuga. In tal modo, grazie alla prospettiva, si rende il senso della profondità alla scena.

composizione fotografica

Le curve che convergono verso un punto di fuga contribuiscono a donare profondità alla scena, ma anche il segnale stradale in primo piano svolge un ruolo fondamentale.

 

Un altro modo molto semplice di ottenere questo risultato è quello di includere nella scena un primo piano significativo, che permetta all’occhio dell’osservatore di avere l’illusione di vagare da un soggetto vicino, posto davanti a lui, allo sfondo, passando attraverso piani intermedi, esattamente come avviene nella realtà. In tal modo il senso di profondità della scena è ricostruito.

composizione, fotografia, primo piano

In questa foto non ci sono elementi in primo piano.

composizione, fotografia, primo piano

Confrontando questa fotografia con quella precedente, molto simile, possiamo veramente costatare come un elemento in primo piano faccia aumentare la sensazione di profondità.

 

Va ricordato però che tale ricostruzione del senso di profondità comporta dei risultati diversi a seconda delle focali che si utilizzano.

Con le focali che vanno dal moderato grandangolo al moderato teleobiettivo, quelle, per intenderci, che sono coperte da uno zoom 18-55 di quelli che vengono forniti a corredo con la reflex, in genere l’effetto della resa prospettica risulta abbastanza naturale.

composizione fotografia primo piano

Le foglie in primo piano donano alla fotografia il senso della profondità.

Con i teleobiettivi più lunghi, invece, bisogna fare i conti con la difficoltà di tenere contemporaneamente a fuoco tanto il primo piano che lo sfondo in quanto, all’aumentare della lunghezza focale diminuisce la profondità di campo ottenibile. Inoltre i teleobiettivi hanno come caratteristica quella di “comprimere i piani” se utilizzati ad una certa distanza, e quindi di annullare il senso di profondità.

Viceversa, con i supergrandangoli (al di sotto dei 12mm se si opera con un sistema APS-c) si ottiene un’enfatizzazione, un’esasperazione, della prospettiva poco naturale, quando ad esempio un fungo in primo piano appare più alto di un albero alle sue spalle. Naturalmente però questa caratteristica può anche essere sfruttata creativamente per ottenere scene particolarmente interessanti e “inconsuete”.

 

By | 2017-08-24T09:02:02+00:00 20 settembre 2012|Elementi di tecnica fotografica|Commenti disabilitati su La composizione fotografica: il primo piano