Come fotografare gli animali in natura (consigli da 16 a 20)

Continuiamo, nel nostro corso di fotografia, a parlare della fotografia di animali in natura. In fondo all’articolo trovate le puntate precedenti.

 

16) Attenzione allo sfondo

Nella fotografia di animali è particolarmente importante prestare attenzione a che lo sfondo non interferisca con la fruizione del soggetto. Quando posizioniamo il capanno o scegliamo il luogo dove mimetizzarci, quindi, oltre alla posizione della luce dobbiamo prendere in seria considerazione quale sarà lo sfondo delle nostre fotografie. Utilizzando un teleobiettivo da almeno 300mm, se lo sfondo è abbastanza distante, non dovrebbero esserci troppi problemi: lo sfondo sarà abbastanza sfocato da non recare disturbo. Tuttavia, se ce n’è la possibilità, cerchiamo di posizionarci in modo che lo sfondo sia gradevole e che valorizzi cromaticamente il soggetto.

E’ molto importante che lo sfondo sui anche gradevole. Osservate le due foto che seguono.

fotografare gli animali

L’importanza dello sfondo: confrontate questa foto con quella che segue. Il soggetto è lo stesso, ma lo sfondo biancastro poco interessante penalizza questa fotografia, mentre in quella che segue un bello sfondo verde, valorizza il nostro soggetto: non trovate?

fotografare, sfondo,composizione

Lo sfondo di questa fotografia è molto più gradevole!

 

Si veda anche il tutorial La composizione fotografica: attenzione allo sfondo.

 

17) Non tagliare ali, code, zampe, orecchie, corna ecc…

Uno degli errori che si commette spesso, nella fotografia di animali (soprattutto a causa della concitazione del momento, alla necessità di scattare in fretta, con pochi istanti a disposizione per pensare l’inquadratura) è quello di “tagliare” parti del corpo importanti dell’animale, come le ali, le corna, o la coda. Purtroppo quando poi si va a rivedere la foto, risulta quasi sempre fastidioso se un’ala o un’altra parte del corpo caratteristica dell’animale è rimasta parzialmente o totalmente fuori dall’immagine. Questo vale anche per gli animali domestici, naturalmente. Per esempio, dovremmo evitare di “tagliare” la coda al nostro cane o al nostro gatto. Nella stessa maniera in cui, quando fotografiamo le persone, dobbiamo stare attenti a non tagliare le dita delle mani, quando fotografiamo gli animali dobbiamo includere nell’inquadratura per intero le loro estremità.

non taligare ali,fotografia uccelli

Questa foto ha un brutto difetto: le ali dell’airone sono tagliate.

 

18) Cercare di riprendere un comportamento particolare

I ritratti agli animali sono bellissimi, così come le fotografie a figura intera, ma se riusciamo a cogliere un’azione particolare la fotografia sarà molto più bella e interessante. Cerchiamo quindi di cogliere l’attimo nel quale l’animale fa qualcosa di interessante.

fotografare uccelli in natura

Un litigio tra fenicotteri: cercate di cogliere l’attimo!

fotografare animali

Fotografare un momento particolare: camoscio d’Abruzzo in allattamento.

 

19) Non sottovalutare l’ambiente cittadino

Moltissimi sono gli animali selvatici che oramai vivono in città. Tassi, volpi, ricci, oltre a tantissimi uccelli, passeriformi in primis, ma anche rapaci diurni e notturni hanno scoperto che in città non solo trovano con maggiore facilità il cibo, ma sono anche al riparo da cacciatori e predatori naturali. Quindi non trascurate parchi cittadini, periferie, corsi d’acqua che attraversano la città e altri luoghi che potrebbero darvi veramente delle belle soddisfazioni, anche perché probabilmente gli animali in città sono più abituati all’uomo e quindi hanno una distanza di fuga inferiore.

Vi rimandiamo al tutorial Come fotografare… gli uccelli in giardino che vi mostra come può essere facile fotografare gli uccelli in città, specie se abitate in periferia.

fotografare gli animali in natura

Un falco grillaio fotografato a Matera. Le città ora ospitano moltissimi animali e specialmente gli uccelli potrebbero essere facili da fotografare.

20) Avere pazienza

Nella fotografia di animali la pazienza è fondamentale. Preparatevi a lunghe ore di attesa in un capanno o in un nascondiglio autocostruito, con il caldo o con il freddo, in attesa che arrivi il vostro soggetto a portata di obiettivo (e nessuno vi assicura che ciò avverrà: molto spesso tornerete a casa senza neanche uno scatto, ma comunque contenti di aver trascorso qualche ora a contatto con la natura).

 

Tutorial collegati:

Come fotografare… gli animali in natura (consigli da 1 a 5)

Come fotografare… gli animali in natura (consigli da 6 a 10)

Come fotografare… gli animali in natura (consigli da 11 a 15)

By | 2017-09-21T15:42:02+00:00 14 maggio 2013|Come fotografare...|2 Comments