Contest fotografico “Colori caldi”: come è stata realizzata la foto vincitrice

Abbiamo chiesto ad Angelo Bonfiglio, autore della fotografia vincitrice del contest “Colori caldi”, come è nata la sua fotografia.

Contest fotografico Foto di Angelo Bonfiglio

Fotografia di Angelo Bonfiglio.

 

Innanzitutto però ecco le motivazioni della giuria:

Angelo Bonfiglio ha interpretato il tema del contest con una natura morta incentrata sugli alimenti base della tradizionale dieta mediterranea, anzi sugli ingredienti degli spaghetti al pomodoro (manca un pizzico di sale?). La sua fotografia trasmette un senso di calore che va al di là dell’illuminazione e dei colori (rosso dei pomodori, giallo degli spaghetti): ci parla dell’estate e di un gustoso pranzetto con ingredienti naturali. Per questo, oltre che per la sua correttezza formale dal punto di vista compositivo e della tecnica d’illuminazione, abbiamo deciso di premiarla.

Diamo ora la parola ad Angelo:

Ho da sempre desiderato saper disegnare ma di fatto non so tenere una matita in mano. Il light painting ossia “disegnare con la luce”, mi ha dato questa possibilità. E’ una tecnica fotografica che permette di “dipingere” il nostro soggetto controllando una sorgente luminosa, proprio come se essa fosse un pennello. Questa tecnica è da utilizzarsi in un luogo buio o quasi, lasciando aperto l’otturatore della fotocamera e illuminando il soggetto con una o piu sorgenti luminose “mobili”. Saremo noi a decidere dove, come, con cosa e per quanto tempo illuminare la scena, saremo noi a plasmare il nostro oggetto; l’unico limite sarà esclusivamente la nostra fantasia.
Il Light Painting ci permette di creare immagini che vanno al di là della razionale visione delle cose. Il tempo di posa prolungato permette di miscelare la realtà estetica con la “fantasia pittorica” del fotografo. Dovremo quindi concentrarci esclusivamente su quello che sarà l’immagine una volta chiuso l’otturatore.
Strumenti necessari: fotocamera con disponibilità di posa B. Cavalletto, necessario per reggere la fotocamera durante le lunghe esposizioni. Torcia o qualsiasi altra fonte luminosa, che sarà il nostro pennello. Dispositivo per lo scatto flessibile.

Veder nascere dal buio una composizione è un piacere indescrivibile. Oso definirmi un partenopeista ed amo la mia terra e per renderle omaggio ho pensato di realizzare una serie di foto come questa dal titolo: “L’oro di Napoli”. Con questa tecnica, mi sono promesso di riprendere attrezzi, oggetti ormai desueti e prodotti della mia terra in un’atmosfera caravaggesca per esaltarne forme e colori.

Della serie “ogni scarafone è bell ‘a mamma soja” la foto, come penso anche tutte quelle realizzate dagli amanti della fotografia, sono “piezz’ e core” secondo un giudizio soggettivo, se poi queste trovano l’approvazione di altri ed il giudizio critico positivo di una giuria , vuoi mettere???

 

In conclusione, vi segnaliamo un nostro tutorial  dedicato proprio alla tecnica del light painting:

Come fotografare… con il light painting

Leave A Comment