Come fotografare… gli animali in natura (consigli da 11 a 15)

11) Scattare solo quando si vede bene il viso

Un errore che si fa spesso quando si è alla presenza di un animale è quello di scattare all’impazzata, senza aspettare il momento giusto. Qual è il momento giusto? Di sicuro quando il soggetto fa qualche cosa di particolare ma, soprattutto, quando si vede bene il viso. Riprendere un animale di spalle difficilmente porterà ad ottenere una bella fotografia.

Osservate i due esempi seguenti. Le foto sono state scattate in sequenza. Quale vi piace di più?

fotografia animali

fotografia wildlife

 

12) Decentrare

Dal punto di vista della composizione fotografica, la regola aurea del decentrare è quasi sempre valida, anche nella fotografia di animali. Dovremmo sempre cercare di evitare di porre il soggetto al centro del fotogramma. Piuttosto, cerchiamo di tener conto della regola dei terzi decentrando il nostro soggetto.

Quando fotografiamo gli animali è bene decentrare il soggetto come in questo caso. Lasciamo spazio in direzione dello sguardo dell'animale (coniglio 14).

Quando fotografiamo gli animali è bene decentrare il soggetto come in questo caso. Lasciamo spazio in direzione dello sguardo dell’animale (consiglio 13).

 

La procedura corretta è quella di mettere a fuoco (magari con il punto AF centrale, il più sensibile) sull’occhio, reinquadrare velocemente l’immagine tenendo premuto a metà il pulsante di scatto, e quindi scattare.

 

13) Lasciare spazio in direzione dello sguardo

Quando decentriamo il soggetto ricordiamo che dovremmo sempre lasciare spazio in direzione dello sguardo. Anche nel caso degli animali, infatti, la mente dell’osservatore della foto è istintivamente portata a seguire la direzione dello sguardo del soggetto e si aspetta di trovare dello spazio davanti ad esso. Ricordiamo quindi di lasciare “aria” in direzione di esso.

fotografare gli animali

E’ buona norma, nella fotografia di animali, lasciare spazio in direzione dello sguardo del soggetto, come avviene in questa immagine.

 

14) Primo piano

Quando fotografiamo gli animali dobbiamo fare in modo che il nostro soggetto sia il vero protagonista ed abbia dimensioni dignitose nel fotogramma. Se non siamo riusciti ad avvicinarci abbastanza, probabilmente la nostra foto non sarà molto interessante.

fotografare animali selvati,pieno fotogramma,primo piano

Il segreto per avere belle foto di animali spesso è quello di essere abbastanza vicini da riprendere il nostro soggetto a pieno fotogramma.

 

Questo non significa che la soluzione consista nel “croppare”, cioè nel ritagliare l’immagine a piacimento. In genere nel mondo fotonaturalistico è ammesso un ritaglio fino al 20%, e se ritagliamo l’immagine, in sede di concorso fotografico dobbiamo dichiararlo…

 

I nostri soggetti sono in genere ancora troppo lontani? La soluzione sta nell’usare teleobiettivi più spinti o, più probabilmente, nell’imparare ad avvicinarci di più agli animali, o a farli avvicinare a noi, imparando a mimetizzarci meglio o a costruire capanni che ci aiutino a passare inosservati.

 

15) Foto ambientata

Ecco un consiglio che sembra contraddire il precedente. Ma solo apparentemente. A volte è meglio fare in modo che l’immagine naturalistica racconti qualcosa anche dell’ambiente nel quale il soggetto vive, riprendendo l’animale inserito nel su ambiente. La contraddizione con il punto 14 è solo apparente. Infatti il soggetto della nostra foto in questo caso non è più tanto l’animale, quando l’intero habitat naturale del quale esso è parte integrante.