Simulare il filtro ND graduato con Photoshop

Molti fotografi preferiscono simulare l’effetto del filtro ND graduato utilizzando un programma di elaborazioni immagini. In questo modo si aggirano tutti gli svantaggi del filtro ND, in particolare il fatto di essere costretti ad utilizzare una composizione centrale.

In questo tutorial vedremo come si può utilizzare il programma Adobe Photoshop per simulare l’effetto del filtro.

Immagini di partenza

Bisogna partire da due immagini, l’una esposta correttamente per il cielo, l’altra esposta correttamente per il terreno. Le due immagini devono essere  ovviamente scattate utilizzando un robusto treppiede, per evitare qualsiasi rischio di movimento.

Si deve inoltre lavorare in manuale e non affidarsi in alcun modo agli automatismi della fotocamera. Una cosa fondamentale da ricordare è quella di mantenere invariato il diaframma: altrimenti la profondità di campo cambierà tra una foto e l’altra. Bisogna operare solo sul tempo di esposizione, variandolo in funzione del cielo e del terreno.

Nel nostro esempio partiremo da queste due immagini:

Senza filtro ND graduato: esposizione per il cielo

Foto esposta per il cielo tempo di scatto di 1/6 di secondo.

 

Senza filtro ND graduato, esposizione per il terreno

La foto correttamente esposta per gli scogli. Tempo di scatto di 2,5 secondi.

 

La foto in alto, con tempo di scatto più breve, ha permesso di salvare i colori del tramonto. La fotografia in basso, con tempo di scatto più lungo, ha permesso di salvare la leggibilità degli scogli e di ottenere l’effetto del movimento dell’acqua.

Adesso non ci resta che simulare l’effetto del filtro ND digradante per unire i due scatti.

 

Simulare l’effetto ND graduato con Photoshop

Il primo passo consiste ovviamente nell’aprire le due immagini con il programma. Disponiamole in modo che siano affiancate come mostrato dall’immagine sottostante.

simulare filtro nd digradante con photoshop

Se non sapete come fare niente paura: il videotutorial riportato alla fine di questo articolo vi mostrerà tutti i passaggi.

Accertiamoci che sia visibile la finestra livelli, quella evidenziata dal cerchio rosso nell’immagine sottostante.

finestra livelli

 

Se non è presente apriamola seguendo il percorso window>layers (finestra>livelli) oppure premendo F7.

Adesso bisogna evidenziare la fotografia esposta correttamente per il cielo facendoci un “click” sopra. Il passo successivo consiste nel trascinare il livello di questa immagine sulla fotografia esposta per il mare. Per farlo basta portare il puntatore del mouse sul livello, premere il pulsante sinistro e, mantenendolo premuto, trascinarlo sulla fotografia esposta per il mare (il puntatore assumerà la forma della manina chiusa) e rilasciarlo lì (anche in questo caso, se necessario, fate riferimento al videotutorial).

La fotografia esposta per il mare adesso si presenterà così:

livelli

La fotografia esposta per l’acqua adesso si presenta così. Il motivo è semplice: si osservi la finesta livelli. Adesso sono presenti due livelli. Su uno si trova l’immagine esposta per il mare, sull’altro si trova l’immagine esposta per il cielo. Solo che quest’ultima è sul livello posto più in alto. Quindi è visibile solo la foto esposta per il cielo. Per visualizzare il livello sottostante si deve “cliccare” l’icona piccolina dell’occhio posta accanto ai livelli.

 

Se si osserva la finestra dei livelli si nota che adesso ne sono presenti due. Su quello inferiore vi è l’immagine esposta per il mare, su quello superiore l’immagine esposta per il cielo. Ovviamente è visibile solo il livello più elevato. Se si desidera vedere la fotografia sottostante si deve fare click sull’iconcina dell’occhio in modo da rendere invisibile il livello superiore.

finestra livelli

 

Per simulare l’effetto del filtro ND graduato dobbiamo adesso creare una maschera e applicare una sfumatura.

Per creare una meschera dobbiamo “cliccare” sulla piccola iconcina presente nella finestra “livelli” mostrata nella fotografia sottostante. Accertiamoci prima che sia selezionato il livello più elevato (il livello selezionato è evidenziato in blu).

pulsante maschera di livello

 

La maschera appare nel livello selezionato, sotto forma di un rettangolo bianco, come mostrato qui:

Ora non ci resta che creare la sfumatura. Accertiamoci che sia selezionata la maschera “cliccandoci” sopra. Poi selezioniamo lo strumento “sfumatura” o “gradient tool“, questo:

 

Se non lo vedete nella sappiate che si trova sotto il secchiello nella finestra strumenti:

strumento secchiello, strumento sfumatura

 

Una volta selezionato lo strumento sfumatura, appare un puntatore dalla forma particolare:

bisogna semplicemente trascinare (tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse) questo puntatore in una zona che inizi un pochino sopra la linea dell’orizzonte e che finisca un pochino sotto, come mostrato dalle seguenti immagini:

 

Particolare del trascinamento.

 

Una volta rilasciato il pulsante il risultato sarà questo:

 

Abbiamo ottenuto la simulazione dell’effetto del filtro grigio ND graduato. Per ottenere un risultato soddisfacente è probabile che ci tocchi fare diversi tentativi.

 

Vale la pena di osservare un particolare della maschera nella finestra livelli:

Particolare della maschera

Il funzionamento della maschera di photoshop è dunque intuitivo: non fa altro che nascondere una parte del livello su cui è applicata, permettendo al livello sottostante di emergere. L’applicazione della sfumatura rende armonioso questo passaggio.

 

Il risultato finale è questo:

Risultato finale della simulazione di un filtro ND graduato con Photoshop.

 

I vantaggi di tale procedimento sono evidenti. I più importanti sono che questo metodo si può applicare anche quando la linea dell’orizzonte non è posta esattamente al centro (soluzione obbligata con il filtro ND tradizionale) e anche quando nella zona di passaggio tra chiaro e scuro non è costituita da una semplice linea come in questo caso. Basta infatti usare lo strumento pennello per definire a piacere i contorni della maschera.

Sulla nostra pagina facebook e sulla nostra pagina google+ si possono vedere ulteriori esempi di fotografie realizzate con questa tecnica.

Inoltre abbiamo preparato un videotutorial dove sono mostrati tutti i passaggi descritti in questa pagina:

For privacy reasons YouTube needs your permission to be loaded. For more details, please see our Privacy Policy.
I Accept

 

Articoli correlati:

Il filtro ND graduato